Sport da Combattimento

L’allenamento ai Pao

di 28 Marzo 2012Maggio 8th, 2020No Comments

Vi sono alcuni allenamenti che vengono considerati come fondativi e specifici di un determinato sport. Metodologie imprescindibili senza le quali non si può apprendere e mettere in pratica appieno una disciplina. Allenamenti senza i quali lo sport in questione diventa “monco” e privo di uno strumento formativo che permette all’atleta di conoscersi e migliorarsi. Si potrebbe anche aggiungere “guai a coloro che non li utilizzassero” poiché non potrebbe allenare pienamente uno sport.

Per quanto concerne gli sport da combattimento in cui è necessario colpire l’avversario, sport che gli anglosassoni, utilizzando una differenziazione terminologica presa in prestito dalle Mixed Martial Arts, chiamano “striker”, uno degli allenamenti basilari è rappresentato dai colpitori. Questo metodo di allenamento vale per tutti questi sport, siano essi il Pugilato, la Muay Thai, il K-1, la Kick Boxing, la Savate, il Sanda, il Taekwondo.

Per quanto riguarda nello specifico K-1 e Muay Thai, in cui è necessario colpire con pugni, calci, ginocchiate e gomitate, si utilizzano i PAO. Sono essi dei colpitori, da utilizzare in coppia, di dimensioni intorno ai 20cm x 40cm. Ovviamente, quando ci si allena con i pao, sono necessarie due persone: una che  li indossi e comandi l’allenamento e l’altra che colpirà a comando.

Per quanto riguarda le metodologie specifiche dell’allenamento con i pao, ve ne sono di varie e finalizzate ad allenare ogni caratteristica, sia essa condizionale che cognitiva. Una delle metodiche classiche è quella di utilizzare i tempi delle riprese (ad esempio 2 minuti nei dilettanti o 3 minuti nel caso dei professionisti) e i tempi di recupero sul ring (di solito 1 minuto), e allenarsi per tante riprese quanto previsto dalla proprio livello, ad esempio tre riprese da 2 minuti oppure 5 riprese da 3 minuti entrambe intervallate da 1 minuto di recupero. Durante la fase di lavoro l’allenatore chiamerà delle combinazioni il più possibile realistiche disponendo i pao nella maniera corretta e l’allievo eseguirà la combinazione con la massima potenza e precisione.

Un altro allenamento, finalizzato maggiormente allo sviluppo della resistenza alla velocità, o resistenza all’acido lattico, consiste nel ripetere lo stesso colpo per un tempo stabilito (ad esempio 30 secondi), cambiando poi colpo fino a coprire l’intero arco dei colpi possibili.
Ovviamente esistono infinite varianti di allenamento da poter utilizzare, ese esempio inserendo esercizi fisici aspecifici all’interno delle riprese ai pao oppure  fasi più o meno lunghe di clinch, oppure assistenza ad un fase attiva dell’allenatore che colpirà l’altleta senza preavviso cercando di coglierlo scoperto per favorire ed allenare le capacità cognitivo-reattive.

ESEMPIO DI ALLENAMENTO CLASSICO AI PAO
(Omar Evangelista si allena ai pao tenuti da Davide Armanini)

Iscriviti alla NEWSLETTER!

Per ricevere gratuitamente notizie, video
ed articoli sull’ALLENAMENTO e sulla NUTRIZIONE SPORTIVA!
Iscriviti Ora!
Lorenzo Mosca

Lorenzo Mosca

Con un passato agonistico nella Kickboxing una laurea con lode in Storia Contemporanea ed una in Nutrizione Umana, sono allenatore di CrossFit 2° livello. Dal "secolo scorso" ad oggi la mia passione per lo sport e per la conoscenza mi ha spinto a sperimentare ed affrontare nuove sfide. Sempre.