Allenamento

I giovani devono allenarsi con i pesi?

di 20 Settembre 2018 Giugno 9th, 2019 No Comments
I giovani devono allenarsi con i pesi?

I giovani devono allenarsi con i pesi?

Assolutamente si!

Fino a qualche tempo fa un’affermazione del genere sarebbe stata presa come lo sfogo di un pazzo. Invece oggi, ringraziando Iddio per il tramite del metodo scientifico, tutte le attuali evidenze hanno smentito miti e leggende sull’allenamento con i pesi in gioventù. Hanno smentito le credenze sul fatto che l’allenamento con i pesi fosse dannoso e bloccasse la crescita della gioventù, anzi ribaltando completamente la questione.

Fare pesi non è dannoso

Diversi studi di un certo livello hanno certificato non solo che l’allenamento di pesistica è tra gli ultimi per il numero di infortuni in allenamento ed in gara, ma che sono proprio gli sport verso cui i genitori indirizzano i figli (come il calcio) che hanno registrato il più alto tasso di infortuni. Altri studi hanno invece smentito la tesi secondo la quale allenarsi con i pesi “bloccasse la crescita” lesionando articolazioni e cartilagini, dimostrando anzi che sono proprio quegli stessi allenamenti a portare ad un migliore formazione ossea.

I pesi migliorano la crescita

Studi che hanno seguito e valutato per ben 25 anni migliaia di ragazzi, ha certificato che i giovani che avevano allenato la forza hanno evidenziato minori problemi muscolari da adulto. Questo perché un sovraccarico che agisce sullo scheletro può efficacemente stimolare un aumento della formazione ossea (nei giovani), ed una minor perdita di matrice ossea (negli adulti).

I pesi proteggono dagli infortuni

Considerando infatti che nei giovani l’apparato locomotorio passivo, costituito da ossa tendini legamenti cartilagini, è più fragile che negli adulti, un allenamento di questo tipo sarà doppiamente utile. In maniera indiretta rafforzerà la muscolatura concedendo maggiore stabilità, con particolare riferimento alle inserzioni articolari. In maniera diretta stimolerà il sistema osseo ad un maggiore resistenza alla tensione.

Ricordiamo sempre che la funzione mantiene la forma e non il contrario.

Sarà proprio la corretta utilizzazione del corpo umano a mantenerlo in forma e salute. Non si manterrà invece in salute un organismo che non viene messo al lavoro per paura di non rovinarsi.

Perché l’homo sapiens è creatura viva e adattiva, e funziona al contrario di una automobile.
E i giovani dovrebbero allenarsi con i pesi, lavorare sulla forza e, perché no, praticare Sport da Combattimento.

Studi scientifici

Ecco gli studi scientifici che supportano le mie affermazioni (grazie a Lorenzo Pansini per la sapiente opera di sintesi):

  1. Sugimoto et al. (2017) Implications for Training in Youth: Is Specialization Benefiting Kids?
  2. Myers et al. (2017) Resistance training for children and adolescents
  3. Jordan. (2017) Overcoming resistance: The case for strength training in children and adolescents
  4. Granacher et al. (2016) Effects of Resistance Training in Youth Athletes on Muscular Fitness and Athletic Performance: A Conceptual Model for Long-Term Athlete Development
  5. Moro et al. (2014) Pediatric resistance training: current issues and concerns
  6. Lloyd et al. (2014) Position statement on youth resistance training: the 2014 International Consensus
  7. Myer et al. (2013) How Young is “Too Young” to Start Training?
  8. Faigenbaum & Myer. (2010) Resistance training among young athletes: safety, efficacy and injury prevention effects
  9. Dahab et al (2009) Strength Training in Children and Adolescents: Raising the Bar for Young Athletes?
  10. Faigenbaum et al. (2009) Youth resistance training: updated position statement paper from the national strength and conditioning association
  11. COSMF. (2008) Strength Training by Children and Adolescents

Richiedi ora la tua Consulenza Personalizzata!

Contattami
Lorenzo Mosca

Lorenzo Mosca

Con un passato agonistico nella Kickboxing e la vittoria di un titolo italiano Pro oltre ad una laurea con lode in Storia Contemporanea ed una in procinto di arrivare in Nutrizione Umana, dal "secolo scorso" ad oggi la mia passione per lo sport e per la conoscenza mi ha spinto a sperimentare ed affrontare nuove sfide. Sempre.